Iniziative in corso

Traduzione del test per scoprire il Patronus Traduzione dello Smistamento a Ilvermorny Guarda da vicino del vecchio Pottermore Scritti da J.K. Rowling Immagini di Pottermore Certificato di Pottermore Traduzione domande Smistamento a Hogwarts Traduzione domande Bacchetta Download vari

lunedì 14 dicembre 2015

Guida pratica alla Trasfigurazione per principianti

Questo è l'ultimo estratto da un libro di testo scolastico sul quale J.K. Rowling abbia scritto un approfondimento, almeno finora.
Il contenuto esclusivo doveva essere sbloccato ancora una volta nella biblioteca di Hogwarts, nel Momento "Harry diventa un escluso".

Harry Potter e la Pietra Filosofale: Harry diventa un escluso

Per questo specifico testo inedito, dovevamo addentrarci una sola volta nella scena col doppio click veloce del mouse (o con la freccetta direzionale "in alto") e scorrere lentamente sugli scaffali a sinistra, dove trovavamo un volume che si illuminava. Cliccando si sbloccava il seguente testo:

Guida pratica alla Trasfigurazione per principianti

Durante la Trasfigurazione è importante eseguire movimenti fermi e decisi della bacchetta. Non agitare o roteare inutilmente la bacchetta o la Trasfigurazione non avrà sicuramente successo.

Visualizza nella tua mente un’immagine nitida dell’oggetto che desideri creare prima di lanciare un incantesimo di Trasfigurazione.

I principianti devono pronunciare l’incantesimo in modo chiaro. I maghi più esperti non hanno bisogno di lanciare l’incantesimo a voce alta.

Le Trasfigurazioni non complete sono difficili da sistemare, ma devi provarci. Lasciare la testa di un coniglio su un poggiapiedi è da irresponsabili e pericoloso. Grida “Reparifarge” e l’oggetto o la creatura dovrebbero assumere nuovamente il loro stato originale.

La Trasfigurazione delle creature di grandi dimensioni è più difficile e riesce solo ai maghi più esperti e potenti. Sii consapevole dei tuoi limiti.


Come spiegò la professoressa McGranitt alla prima lezione di Trasfigurazione di Harry:
«La Trasfigurazione è una delle materie più complesse e pericolose che apprenderete a Hogwarts» disse. «Chiunque faccia confusione nella mia aula verrà espulso e non sarà più riammesso. Siete avvisati».
Poi trasformò la sua cattedra in un maiale e viceversa.
Quando si dice "possedere capacità oratoria"!
Questa materia comunque è veramente complicata, inoltre abbiamo un numero davvero limitato di informazioni su cui basarci per un approfondimento.
Iniziamo quindi dalla parte più facile, ossia i libri di testo che nella saga trattano questa materia, con immagini di quelli comparsi in Pottermore:
  1. Guida pratica alla Trasfigurazione per principianti: di Emeric Switch, libro di testo da acquistare al primo anno e valido anche per il secondo. Al Ghirigoro in Pottermore costava 1 galeone. Quando lo acquistavamo compariva la seguente descrizione:
    Guida pratica alla Trasfigurazione per principianti
    Il punto di partenza ideale per ogni studente di Trasfigurazione.
  2. Trasfigurazione Intermedia: Libro di testo richiesto agli studenti del terzo, e probabilmente anche del quarto e quinto anno a Hogwarts. In Pottermore lo abbiamo acquistato per 2 galeoni al Ghirigoro. In questa occasione, potevamo leggere questa descrizione:
    Trasfigurazione Intermedia
    Un manuale per gli studenti che proseguono gli studi nel campo della Trasfigurazione
  3. Guida alla Trasfigurazione Avanzata: questo libro fa la sua comparsa quando la borsa di Cedric Diggory si strappa, dietro incantesimo di Harry. Essendo Cedric al sesto anno quando partecipa al Torneo Tre Maghi, è possibile che il libro di cui è in possesso serva agli specializzandi che intendono conseguire un M.A.G.O. in Trasfigurazione, e potrebbe essere valido anche per il settimo e ultimo anno.
Altre pubblicazioni note sempre tramite la saga letteraria sono:
    Trasfigurazione Oggi
  • Trasfigurazione Oggi: rivista di ultime novità in fatto di Trasfigurazione, che la professoressa McGranitt legge e alla quale partecipa in qualità di correttrice di bozze. In Pottermore potevamo raccoglierne un numero proprio nel suo ufficio, nel Momento "Il ritorno di Silente" in HP e la Camera dei Segreti. Questa la descrizione:
    Trasfigurazione Oggi è una nota rivista accademica scritta da streghe e maghi illustri. La professoressa Minerva McGranitt ha vinto una volta il premio Miglior Nuova Promessa di Trasfigurazione Oggi.
  • Teorie della Trasfigurazione Transustanziale: citato nella prefazione di Silente al libro "Il Quidditch attraverso i secoli", potrebbe essere un manuale di Trasfigurazione molto avanzata, che Silente, in quanto antico insegnante e certamente esperto di Trasfigurazione, studia da sempre. Non conosciamo altri dettagli di questo libro, tranne che Silente lo aveva preso in prestito dalla biblioteca. Mentre lo consulta, distrattamente lo scarabocchia e all'improssivo quello inizia a picchiarlo furiosamente in testa! Questo ci insegna, cari studenti, a maneggiare sempre con estrema cautela i volumi della biblioteca curata da Madama Pince.
Ora, entrare più nello specifico degli argomenti trattati in questa materia diventa più complicato, tuttavia dalla saga letteraria sappiamo che gli studenti imparano a trasfigurare oggetti in altri oggetti, animali in oggetti, e anche oggetti in animali.
C'è anche la possibilità di trasfigurare umani o animali in tutto o in parte, come ad esempio la parziale trasfigurazione in squalo che Victor Krum utilizza per superare la seconda prova del Torneo Tre Maghi nel Calice di Fuoco.

Animagus: da gatto soriano a Minerva McGranitt
Animagus: da gatto soriano a Minerva McGranitt
Presumibilmente, possiamo far rientrare tra i tipi di Trasfigurazione anche gli Animagi.
Si tratta di maghi o streghe che, dopo studi approfonditi e molti pericolosi tentativi, riescono ad assumere forma animale.
Si tratta del risultato di un complicato processo di apprendimento, ben diverso dalla capacità innata in alcuni di trasformarsi in tutto o in parte a proprio piacimento. I maghi e le streghe che possiedono tale capacità, spesso ereditaria, vengono chiamati Metamorfomagus, come Ninfadora Tonks ad esempio.
In entrambe queste situazioni il mago o la strega conserva la capacità di ragionamento e la consapevolezza di essere umano, cosa che non avviene in caso di umano trasfigurato in animale.
In quest'ultima ipotesi si diventa interamente animali, perciò per tornare in forma umana è necessario affidarsi all'intervento di qualcuno che ci riporti allo stato originale. Questa particolarità è stata evidenziata ne "Le fiabe di Beda il Bardo", nel commento alla fiaba "Baba Raba e il ceppo ghignante".

Qualche osservazione la merita la Trasfigurazione umano-oggetto e viceversa.
Tramite la saga sappiamo che è possibile trasfigurare alcune parti del proprio corpo, addirittura invecchiandosi leggermente, ma ci si può anche trasfigurare interamente in un oggetto per nascondersi.
Ricorderete tutti il professor Horace Lumacorno e la sua convincente interpretazione di una poltrona, all'inizio del Principe Mezzosangue. Il vecchio Luma si è poi de-trasfigurato da solo, tornando alla forma umana senza la necessità di un intervento esterno da parte di Silente.
Questo ci fa supporre che trasfigurarsi in un oggetto non comporti la perdita di coscienza di sé che si verifica nel caso di Trasfigurazione in un animale, comune o fantastico che sia. E' possibile che non vi sia "conflitto di coscienza" nel trasformarsi in un oggetto inanimato, e quindi il mago o la strega mantenga la coscienza di sé e sia in grado di tornare allo stato originale autonomamente.

Oltre alla Trasformazione e alla Trasfigurazione Umana che abbiamo accennato sopra, tra le discipline che compongono la Trasfigurazione dobbiamo enumerare anche l'Evocazione, ossia la creazione di oggetti o animali dal nulla, e il suo contrario, cioè l'Evanescenza, disciplina che consiste nel far scomparire gli oggetti o animali.

Tuttavia, le varianti viste fin qui relative alla Trasfigurazione non sono sempre possibili. Questa complessa branca della magia è soggetta a delle leggi, come tutti ricorderete esistono "Cinque Principali Eccezioni alla Legge di Gamp sulla Trasfigurazione degli Elementi".
Tramite i libri ne conosciamo una, il cibo. Quali potrebbero essere le altre? Lanciamoci in fantasiose ipotesi, iniziando dalla descrizione della sola eccezione nota:

Cibo

Hermione la spiega a un irritatissimo e affamatissimo Ron, nei Doni della Morte:
«È impossibile fare del buon cibo dal nulla! Puoi Appellarlo se sai dov'è, puoi trasformarlo, puoi moltiplicare la quantità se ne hai già un po'...»
(Harry Potter e i Doni della Morte, Capitolo 15)
 
Dunque il cibo non può essere evocato dal nulla, facendolo semplicemente comparire. Il sempre discusso vassoio di tramezzini e succo di zucca auto-rigeneranti evocato dalla professoressa McGranitt nel capitolo 5 della Camera dei Segreti, è molto probabilmente arrivato dalla tavola imbandita in Sala Grande, oppure direttamente dalle cucine del castello. E' stato semplicemente trasferito nello spazio, non creato dal nulla.
Questo principio sembra tuttavia non valere per l'acqua, basti pensare all'Incantesimo Aguamenti: ad esempio nel finale del Principe Mezzosangue, Harry e Hagrid lo usano per spegnere l'incendio appiccato dai Mangiamorte alla capanna del Custode delle Chiavi.

Denaro

Pare che la stessa Rowling lo abbia rivelato tempo fa in una intervista: il denaro non solo non può essere evocato dal nulla, ma non può nemmeno essere moltiplicato a partire da un minimo ammontare.
Questo spiega perché i maghi non sono tutti ricchi come i Malfoy, come ad esempio i Weasley.
Esiste del denaro finto: l'Oro dei Lepricani, che fa la sua comparsa in occasione della Finale della Coppa del Mondo di Quidditch tra Irlanda e Bulgaria. È noto che svanisce dopo alcune ore, come accade più di una volta nel corso della vicenda narrata nel Calice di Fuoco.

Tuttavia, questa supposta eccezione ha... un'eccezione! Vi dico solo due parole: Pietra Filosofale. La famosa Pietra creata da Nicolas Flamel, grazie alla quale è possibile ricavare un Elisir di Lunga Vita e trasformare il comune metallo in oro.
In questo caso però sconfiniamo in un tipo diverso di magia: non siamo più nel campo della Trasfigurazione, ma dell'Alchimia. Altra materia estremamente complessa che raramente viene insegnata a Hogwarts.

Salute e Vita

Un'altra ipotetica eccezione alla Legge di Gamp potrebbe riguardare la salute, o più un generale la vita.
Come sappiamo dal testo inedito "Malattie e Disabilità", i maghi possono curare malattie di origine fisica che invece affliggono i Babbani, ma non hanno difese contro malanni di origine magica.
Per questo esiste l'Ospedale San Mungo per Malattie e Ferite Magiche. All'interno di questa struttura, schiere di Medimagi tentano di curare il risultato di incantesimi incauti o accidentali (vedi Allock), infezioni da creature fantastiche (Lupi Mannari), malattie magiche (come il Vaiolo di Drago) e quant'altro.

Il discorso salute va ampliato a nostro avviso con la "vita" in generale: non è possibile riportare in vita persone o animali, questa è una delle principali limitazioni ribadite più volte nel corso della saga letteraria. Ad esempio pensiamo agli Inferi: sono cadaveri assoggettati alla volontà di un mago Oscuro, nulla più che burattini animati nelle mani di stregoni senza scrupoli.
Nemmeno i "quadri magici" sono un ritorno alla vita: sono semplicemente delle immagini animate magicamente a cui è stato insegnato a comportarsi ed esprimersi come il mago o la strega ritratti. Nel caso dei Presidi di Hogwarts spesso erano loro stessi a "istruire" il loro ritratto, in modo che conservasse conoscenze da tramandare alla posterità.
Anche la leggendaria Pietra della Resurrezione non crea altro che un surrogato della vita, riportando nel mondo dei vivi lo spirito di chi viene richiamato. Non si tratta mai di un ritorno alla vita, ma piuttosto di una pallida imitazione. Le anime di coloro che ci hanno lasciato meritano di riposare in pace.

Amore

La possibilità che questo potentissimo sentimento sia una Eccezione alla Legge sulla Trasfigurazione è pura ipotesi, anche se sembrano esserci più richiami nella saga.
Il professor Lumacorno spiega nel Principe Mezzosangue che l'amore non può essere ricreato, ma ne possono essere riprodotti alcuni stadi in forma di infatuazione o ossessione.
Il sentimento vero e proprio, nella sua forza e complessità, sfugge alla comprensione anche dei maghi, infatti un'intera sala all'Ufficio Misteri è dedicata allo studio e all'osservazione della forza che alcuni definiscono la più potente nell'universo. Si dice che la porta della Sala dell'Amore sia chiusa a tutti, forse anche alla maggior parte degli Indicibili. Il mistero che avvolge questa forza sembra destinato a rimanere tale.
Ma l'Amore può essere considerato un "elemento"? Non è tangibile, non ha consistenza fisica.
Se partiamo dal presupposto che un "elemento" è qualcosa di fisicamente identificabile, allora non solo l'Amore, ma anche l'Amicizia o altro non possono in ogni caso essere manipolati e Trasfigurati.

Artefatti magici

Pur potendo duplicare il cibo, è evidente che i maghi non possono fare altrettanto con gli oggetti incantati di cui fruiscono.
Pensiamo ad esempio alle scope (ve lo immaginate poter duplicare la Firebolt con uno svolazzo di bacchetta?), agli ingredienti, ai libri (che i poveri Weasley acquistano anche di seconda mano), fino alle pozioni (che però potrebbero essere considerate cibo?).
Non possono nemmeno riparare una bacchetta (tranne la solita eccezione della Bacchetta di Sambuco), o un calderone bucato.
Nemmeno gli artefatti dei Folletti sono riproducibili, pensiamo alla Spada di Grifondoro nei Doni della Morte: Piton fa portare alla Gringott una copia evidentemente prodotta da maghi, che sono incapaci di realizzare artefatti della medesima qualità.
In modo analogo al denaro, la possibilità di duplicare artefatti magici annullerebbe i commerci nel mondo magico, con evidenti conseguenze sulla società dei maghi.

A proposito della creazione di oggetti con la magia, credo si debba fare un rimando alle nozioni base di Incantesimi, viste nel contenuto "Manuale degli incantesimi, Volume primo".
In quel testo inedito si diceva chiaramente che gli incantesimi possono svanire anche solo dopo qualche ora se fatti da un mago o strega alle prime armi, o con scarsa concentrazione.
Quindi creare un oggetto, ad esempio un maglione, dal nulla potrebbe avere una notevole controindicazione: può svanire inaspettatamente dopo un certo lasso di tempo!

Informazioni

Anche questa è un'ipotesi: non ci sono certezze che le informazioni possano essere una delle Cinque Eccezioni, si tratta per lo più di congetture dei fans.
Ma cosa s'intende per "informazione"? In pratica, secondo questa ipotetica sesta eccezione, si assume che non sia possibile creare una verità storica dal nulla.
Per esempio, creare dal nulla la notizia di un evento o di un fatto che non è mai accaduto realmente, perché ciò permetterebbe a chiunque di modificare passato, presente e futuro semplicemente incantando un libro di storia.
Pensate soltanto se, per far vincere Voldemort e suoi Mangiamorte, bastasse incantare una pagina di un Manuale di Storia di Hogwarts, e vanificare i sette libri della saga!
Per fortuna ci sono le Eccezioni alla Legge di Gamp, ma attenti alle... Giratempo!!!
In quest'ultimo caso, però, non sono le Giratempo che modificano gli eventi, ma le persone che, viaggiando nel tempo, agiscono direttamente nel passato, e sempre entro certi limiti. Un discorso che affronteremo più avanti col testo inedito relativo!

Le nostre ipotesi terminano qui, ora tocca a voi. Secondo voi quali potrebbero essere le Eccezioni alla Legge di Gamp non note? Siete d'accordo con la nostra analisi, o avete altre interpretazioni da dare?
Largo alle vostre idee!

17 commenti:

  1. Miao a tutti,

    il corso di Trasfigurazione in uno Stregatti è aperto solo ai maghi umani più bravi, e ricordatevi che le pelliccia deve apparire a strisce violafucsia, non a pallini!
    Vostro Stregatto D.O.C.

    RispondiElimina
  2. Devo ammettere che non mi è mai piaciuta l'idea di trasfigurare degli animali in oggetti, mi sembra una crudeltà. Mi chiedo se poi vengano riportati alla loro forma originale senza conseguenze. E gli oggetti che vengono trasfigurati in animali assumono una coscienza come un vero animale? E gli animali che vengono evocati, come il serpente evocato da Malfoy durante il duello con Harry? Mi ricordo poi, anche se non di preciso in quale libro, che una volta Hermione era riuscita a "far evanescere un gattino". Ma ciò non equivale a ucciderlo? In questo caso dissento profondamente dalla Rowling!
    Inoltre c'è un'altra questione: visto che in genere gli esseri umani, maghi compresi, si cibano di alcuni animali, evocare un animale non sarebbe evocare del cibo? Ad esempio, sarebbe possibile evocare un pollo, tirargli il collo e farlo arrosto? Non sarebbe forse creare cibo dal nulla?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miao Ombraunicorno,

      complimenti per le interessantissime domande! Provo a miagolarti le mie opinioni:

      A) l'idea di trasfigurare oggetti in animale non piace neanche a me, a meno che non possa servire a salvare gli animali.
      Pensa come ci rimarrebbero le baleniere se, di colpo, le balene venissero trasformate in pneumautici, apparendo rifiuti a cielo aperto. Di sicuro, gli salveresti la vita!
      Un'altra utilità? Trasportarli in luoghi proibiti, dove non li farebbero entrare.
      Ma in linea generale, tale trasfigurazione serve più alla comodità di un mago: per esempio, trasfigurare un cane perchè abbaia troppo.
      Sinceramente, mi sembra che in tutta la saga non ci sia un momento in cui la trasfigurazione venga usata saggiamente, salvo nel caso di Draco trasformato in furetto, ghghghgh!!!

      B)Effettivamente, pare che gli oggetti trasfigurati in animali acquistino una propria coscienza, e credo sia inevitabile, altrimenti sarebbero ancora oggetti.
      Magari con una personalità riferita all'oggetto stesso: un orologio svizzero trasfigurato in galletto, canterà con la stessa precisione dell'orologio!
      Lo stesso vale per gli animali evocati, e infatti, il serpente ha la coscienza che Harry gli sta parlando e gli obbedisce pure. Quindi, cooscienza e volontà propria.

      C)Quella del gattino che Hermione ha fatto evanescere non la ricordo proprio, anzi, ti chiedo di farci sapere dove l'hai trovata.
      Eppure, una cosa del genere, me la sarei ricordata a vita, associandomi alle tue giuste critiche. Ma non ho le prove che un tale passo letterario sia stato scritto.
      In ogni caso, gli animali creati dalla magia non sono veri esseri viventi, quindi, scompaiono e basta, senza nascere o morire.

      D) Se si evoca un animale con la magia per mangiarlo, questo scompare non appena tenti di ucciderlo per mangiarlo: la magia viene quando è creata, e la magia se ne va quando si tenta di distruggere ciò che è stato creato dall'incantesimo.

      Tuo Stregattaccio che non si da pace a cercare il micio fatto evanescere da Hermione.

      Elimina
    2. miao integrativo: è possibile che Hermione faccia evanescere il gattino agli esami del G.U.F.O., ma il gattino si può far sempre riapparire con un'incantesimo di evocazione, cioè l'opposto di 'Evanesco' che lo fa sparire.
      Anche se il gattino riapparirà sempre vivo e vegeto, e in modo indolore, si nota comunque che, in questi casi, il rispetto per gli animali viene subordinato alla loro utilità per i maghi, compresi i draghi fatti combattere nel torneo.
      Tuo Stregatto che continua a cercare nel libro giusto.

      Elimina
    3. Ravenclaw Shadowhunter15 dicembre 2015 08:40

      Miao Pietra! Oggi sono assente da scuola e quindi leggo... E studio, evvai! XD
      Mi ricordo quel passaggio, è durante una lezione di Trasfigurazione del quinto anno; se non sbaglio, quella in cui i nostri eroi ascoltano la McGrannitt e la Umbridge discutere dopo la fine della lezione. Harry e Ron facevano fatica a far Evanescere due lumache, mentre si dice proprio che Hermione era riuscita a far scomparire un micetto... Spero che la McGrannitt lo abbia rievocato, dopo! Altrimenti vado a prenderlo io! XD Un abbraccio fortissimo! ;) <3

      PS vuoi che ti cerchi la pagina sulla mia edizione? O quantomeno il capitolo? Ancora baci! <3

      Elimina
    4. Corretto Ravenclaw, è nell'Ordine della Fenice! Nel primo paragrafo del capitolo 16 (Alla Testa di Porco) si legge:
      «...tutti e tre erano riusciti a far Evanescere i loro topi nell'ora di Trasfigurazione (Hermione in realtà era arrivata a far Evanescere anche un gattino)»

      In effetti, ora che me lo fate notare, i maghi non hanno una grande sensibilità verso il mondo animale. Pensate solo a come tollerano tranquillamente i maltrattamenti al drago che fa la guardia nelle viscere della Gringott, all'uso che fanno di parti di animali per le pozioni, e ovviamente ai loro esperimenti magici.
      Dal testo inedito su "Manuale degli Incantesimi, volume primo" sappiamo che gli incantesimi non hanno durata eterna, soprattutto quelli degli studenti. Nel giro di poco tempo si annullano, proprio a causa delle scarse capacità di chi li esegue.
      Detto questo, OmbraUnicorno ha sollevato delle questioni che andrebbero davvero sottoposte alla Rowling, e mi riferisco in particolare all'evocare un animale allo scopo di cibarsene. La spiegazione di Pietra è interessante, anche se non abbiamo nessun fondamento al riguardo.
      Sono argomenti aperti, possiamo immaginarci le soluzioni più fantasiose, almeno finché la Rowling non le risolverà!

      Elimina
    5. Miao a tutti,

      in effetti, il mondo magico di Harry Potter, non invita al miglior trattamento degli animali. Ma così è!
      Alcuni, come gli unicorni, sono oltremodo protetti. Altri come i draghi sono utilizzati per la guardia o per i tornei.
      Non miagoliamo poi di gufi e civette, oltremodo sfruttati per la posta.

      Ci sarebbe da approfondire l'argomento in un post, comprese le parti animali usate come ingredienti delle pozioni.
      Ma credo anche che la Rowling, di fronte a un mondo magico fatto così, si è limitata semplicemente a descrivercelo e a raccontarcelo, a prescindere dalle sue opinioni sul maltrattamento degli animali.
      Credo che non potesse fare diversamente, salvo decidere di non scrivere i libri.
      E poi si lamentano se qualche drago incenerisce qualche mago, di tanto in tanto, ghghgh! Vostro Stregatto.

      Elimina
    6. Ravenclaw Shadowhunter15 dicembre 2015 18:59

      Sì, sono d'accordo, Pietra... e poi non penso che neanche abbia mai pensato che il messaggio che passava fosse quello di non aver cura degli animali. Dopotutto, Harry stesso ama molto Edvige, e Hermione Grattastinchi, e Ron quel farabutto di Crosta prima e Leotordo poi. Ciò non toglie che, se nessuno lo ha ancora riportato indietro, voglio Evocare di nuovo quel povero gattino fatto sparire da Hermione! Immagino però che in quell'occasione i miei due prof preferiti le abbiano fatto presente il suo crimine, vero? ;) <3

      Elimina
  3. Grazie per avermi risposto. Potreste dirmi il titolo dei libri illustrati di cui parlavate? Per quanto riguarda la Trasfigurazione credo si debba distinguere. Il citato serpente di Draco viene come" appellato" con la formula Serpensortia e lo stesso potrebbe essere per Aguamenti, cioè degli elementi reali vengono richiamati dall'ambiente circostante. Per quanto riguarda l'Evanescenza ecco la risposta della McGonagall alla porta di Corvonero " Dove vanno a finire gli oggetti che Evanescono?" "Nel non-essere, ovvero nel tutto". Quindi il mago "assembla" degli atomi "sciolti" dando loro una forma ma non sostanza. Si veda il duello con Piton ( pag. 519-520) o lo stormo di canarini scagliato da Hermione gelosa e inferocita contro Ron(IL PRINCIPE MEZZOSANGUE pag.272, con la formula oppugno. Infine ne L'ORDINE DELLA FENICE durante il suo esame pratico per il G.U.F.O. Harry fa Evanescere un'iguana, probabilmente questi animali vengono "creati " apposta dagli insegnanti per questo scopo. Credo che per ora può bastare, credetemi è stata una fatica!Ciao anche da mia figlia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miao Lidia Furnito, e miao a tua figlia!

      Il libro di cui ti parlavo è il primo libro, nuova edizione, Harry Potter e la Pietra filosofale" con i disegni o illustrazioni di Jim Kay. E' un volume enorme, non ti puoi sbagliare.
      Un altro è il libro dei personaggi di Jody Revenson. Il primo costa circa 25 euro, il secondo 45 euro.

      Hai detto cose molto interessanti, che ci richiamano allo stretto rapporto tra magia e elementi naturali. "Forma, ma non sostanza", hai ragione. Anche se il serpente di Draco obbedisce a Potter, quindi ha sostanzialmente un cervello? Chissà!
      Domande per la Rowling! Vostro Stregattaccio.

      Elimina
  4. Ho dimenticato dei dettagli, scusate. La domanda della porta di Corvonero si trova ne I DONI DELLA MORTE pag. 514, e nello stesso libro c'è il duello McGonagall-Piton. Il numero di pagina si riferisce all'edizione in mio possesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me il serpente di Draco è un vero serpente, magari "richiamato" dalla Foresta Proibita o dalla Casa dei Serpeverde. Mentre Accio richiama un oggetto specifico, questa formula riguarderebbe i serpenti in generale. C'è differenza fra Serpensortia e "Accio Nagini" o "Accio Basilisco"!!!

      Elimina
    2. Miao Lidia,

      è possibile, anzi, molto probabile. Dipende se poi un mago, per far sparire il serpente usa il finitem incantatem o l'evanesco. Nel primo caso, il serpente ha natura magica, nel secondo caso è un oggetto o un animale reale reale. Ottima osservazione, Lidia!
      Stregatto impressionato dalla preparazione di Lidia.

      Elimina
  5. Grazie, comunque la mia non è vera preparazione ma solo interesse per l'argomento e riflessioni personali. "Vipera evanisca" viene detto da Piton solo nel film, nel libro si limita a muovere la bacchetta ed il rettile svanisce in un fumo nero. Però la scrittrice dovrebbe aver approvato il copione, e in effetti il mio ragionamento potrebbe avere un senso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miao Lidia,

      io per scelta, resto miagolamente fedele ai libri, ai successivi articoli della Rowling, e alle risposte che lei dà nelle chat di facebook pottermore, di tanto in tanto, anche se a volte lasciano dubbi e vuoti, da risolvere con la nostra immaginazione e fantasia, ghghghgh!!!
      Senza nulla togliere alla bellezza dei films, naturalmente, Tuo Stregatto.

      Elimina
  6. Ciao a tutti. Credo che quello che noi appassionati pretendiamo dalla Rowling non sia umanamente possibile. Ha già creato per noi dal nulla un intero universo, non ci dovrebbe bastare? Non può curare ogni minimo dettaglio o chiarire ogni dubbio. La sproporzione è enorme, noi siamo milioni di piccole menti che si arrovellano su particolari, anche insignificanti e secondari, e lei ( seppure sia un vero genio della letteratura!) è sola...Tanti grattini dietro le orecchie e sul pancino allo Stregatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miao Lidia,

      noi diamo per scontato che è sola.
      Ma ti faccio un esempio: l'universo di Star Trek aveva uno staff di scrittori supervisionato dallo scrittore principale, e nessuno lo sapeva.
      Il fatto, poi, che dopo anni si discuta sui particolari è un bene, così almeno la smette di distrarsi scrivendo i gialli, ghghghgh!!! Tuo Stregatto.

      Elimina

AVVISO: Benvenuti! Potete commentare pur non essendo registrati, ma sapete che è possibile inserire un nickname? Nella tendina "Commenta come" c'è l'opzione "Nome/URL". Inserite soltanto un nome e cliccate su continua, potrete così identificare facilmente i vostri commenti! Buona permanenza nel blog!

Harry Potter - Sorting Hat 3