Iniziative in corso

Traduzione del test per scoprire il Patronus Traduzione dello Smistamento a Ilvermorny Guarda da vicino del vecchio Pottermore Scritti da J.K. Rowling Immagini di Pottermore Certificato di Pottermore Traduzione domande Smistamento a Hogwarts Traduzione domande Bacchetta Download vari

lunedì 22 febbraio 2016

Accademia della Magia di Beauxbatons

Accademia della Magia di Beauxbatons

Riscopriamo oggi il testo scritto da J.K. Rowling (una volta li chiamavano contenuti esclusivi) che approfondisce le informazioni relative all'Accademia della Magia di Beauxbatons. Dico riscopriamo perché questo brano lo abbiamo ereditato dal vecchio Pottermore, dove poteva essere sbloccato esplorando il quarto libro della storia di Harry, il Calice di Fuoco. Nel Momento intitolato "La carrozza" ammiravamo l'arrivo della delegazione di Beauxbatons a Hogwarts, in occasione del Torneo Tre Maghi:

Harry Potter e il Calice di Fuoco: La carrozza

L'immensa carrozza, trainata dagli altrettanto mastodontici cavalli alati, sfiorava le punte degli alberi della Foresta Proibita, prima di atterrare davanti al castello.
Mentre ne osservavamo il volo, potevamo cliccare lo stemma che vedete sulla porta della carrozza (ve ne mostreremo l'ingrandimento tra poco) per leggere quanto segue:

Accademia della Magia di Beauxbatons
[Bo - batton]

Situata da qualche parte sui Pirenei, i visitatori raccontano della bellezza mozzafiato di un castello circondato da giardini formali e prati rasati, ritagliati dal paesaggio montagnoso come per magia. L’Accademia di Beauxbatons ha una prevalenza di studenti francesi, nonostante sia frequentata anche da un gran numero di spagnoli, portoghesi, olandesi, lussemburghesi e belgi (sia la scuola di Beauxbatons che quella di Durmstrang hanno un numero di iscritti maggiore rispetto a Hogwarts). Si dice che il meraviglioso castello e i terreni che circondano questa prestigiosa scuola siano stati parzialmente finanziati con oro alchemico e che, poiché Nicolas e Perenelle Flamel si incontrarono a Beauxbatons durante la loro giovinezza, la magnifica fontana ubicata al centro del parco della scuola, che sembra abbia proprietà curative e offra rimedi di bellezza, prenda il loro nome.

La Beauxbatons ha sempre avuto buoni rapporti con la scuola di Hogwarts, nonostante una sana rivalità che emerge in occasione di competizioni internazionali, come il Torneo Tremaghi, che è stato vinto dalla Beauxbatons sessantadue volte contro le sessantatré di Hogwarts.

Oltre ai Flamel, tra i famosi ex studenti della Beauxbatons troviamo Vincent Duc de Trefle-Picques, che riuscì a fuggire il Terrore eseguendo un incantesimo di occultamento sul proprio collo e fingendo che la propria testa fosse già stata tagliata; Luc Millefeuille, l'ignobile pasticcere e avvelenatore di Babbani, e Fleur Delacour, che prese parte alla famosa battaglia di Hogwarts e fu insignita di una medaglia al coraggio sia dal Ministero francese sia da quello inglese. La direttrice Olympe Maxime è (nonostante le sue proteste nel sostenere il contrario) una mezza-gigantessa, di carattere brillante, elegante e che incute un innegabile timore reverenziale.

Nel corso del quarto libro della saga, è Fleur Delacour a illustrarci uno scorcio di vita in questa Accademia.
Mentre Roger Davies la fissa imbambolato durante la cena del Ballo del Ceppo, la bella semi-Veela racconta di favolose sculture di ghiaccio ad adornare la sala da pranzo della scuola durante il periodo natalizio. Il ghiaccio sembra essere incantato appositamente per non sciogliersi, quindi l'impressione è di trovarsi davanti a scintillanti sculture adamantine.

Anche il cibo è molto diverso rispetto a quello di Hogwarts, più leggero. Fleur lo definisce "superbe", ma ovviamente lo è per lo standard francese. Gli Elfi delle cucine di Hogwarts si erano prodigati nella preparazione di manicaretti insoliti per Hogwarts, allo scopo di far sentire gli ospiti a loro agio. Ecco quindi comparire sulle tavole la Bouillabaisse, una sorta di zuppa di pesce stufato, accanto a un autoctono pasticcio di carne e rognone.
Tra i cibi particolari Ron nota "uno strano tipo di budino pallido", che potrebbe forse essere crème caramel. E' un dolce al cucchiaio di origine portoghese (nonostante il nome francese), e dal momento che Beauxbatons ospita anche studenti di quel Paese è probabile che possa trattarsi proprio di detta specialità.

Tornando agli abbellimenti, sembra che a Beauxbatons i momenti dei pasti vengano allietati dal canto di un coro di Ninfe dei boschi. Lungo i corridoi non ci sono armature come a Hogwarts, e la vita scorre monotona a causa della mancanza di un Poltergeist nell'edificio. Fleur ne sembra contenta, ma secondo noi Pix aggiunge quel pepe necessario a sopportare le lunghe ore di noia delle lezioni. Si certo, come se uno potesse annoiarsi a studiare magia!

Altri piccoli dettagli che apprendiamo riguardano le divise degli studenti: sono di colore azzurro pallido, apparentemente di una stoffa della consistenza della seta, e gli alunni sembrano non possedere mantelli. Quantomeno, ne sono sprovvisti al loro arrivo a Hogwarts.
Il fatto che Beauxbatons si trovi tra le cime dei Pirenei dovrebbe comportare un abbigliamento più adatto a temperature anche rigide, almeno secondo me.

C'è un'importante differenza che riguarda il sistema scolastico da rilevare: a Hogwarts gli studenti sostengono una prima serie di esami al quinto anno (i G.U.F.O.), per poi scegliere se proseguire gli studi e conseguire il M.A.G.O., oppure dedicarsi a una attività lavorativa.
Nel sesto libro (il Principe Mezzosangue) Fleur invece spiega che gli esami a Beauxbatons vengono affrontati al sesto anno di studi. Purtroppo non termina la spiegazione perché viene interrotta dall'urlo belluino di Hermione: aveva appena visto profilarsi all'orizzonte le sagome dei gufi postini della scuola, latori delle buste coi risultati conseguiti dal trio.

Il mezzo di trasporto peculiare a questa scuola è l'immensa carrozza di colore blu polveroso, gradevolmente illustrata in Pottermore come avete visto in apertura del post.
La carrozza è trainata da immensi cavalli palomino alati, il cui nome specifico apprendiamo tramite il compendio "Gli Animali Fantastici, dove trovarli": si tratta di Cavalli Alati di razza Abraxas. Pare che questi bestioni abbiano una predilezione per il whisky di malto, o almeno così sostiene Madame Maxime.
Inoltre, sulla porta della carrozza è raffigurato il blasone della scuola: "due bacchette d'oro incrociate da cui spuntano tre stelle ciascuna"; potete vederlo sotto nell'ingrandimento:

Blasone sulla carrozza di Beauxbatons: due bacchette d'oro incrociate da cui spuntavano tre stelle ciascuna
 Blasone sulla carrozza di Beauxbatons:
due bacchette d'oro incrociate da cui
spuntano tre stelle ciascuna

Questo invece è l'aspetto dell'Accademia nella mappa delle grandi Scuole pubblicata in Pottermore:

Accademia della Magia di Beauxbatons nella mappa delle Scuole

13 commenti:

  1. Ciao Eileen, miao Pietra Stregatto,
    Volevo conoscere le vostre ipotesi sulle possibili scuole di magia. Dovrebbero essere undici, di sette (+ quella russa) si è avuto notizia. Dalla mappa su Pottermore se ne ipotizza una sull'Himalaya. Arriviamo a nove. E per le altre due? Una dovrebbe essere assolutamente in Italia, non è possibile che non ce ne sia almeno una ... Di monti dove "nasconderla" ai babbani non ne mancano. Ma ditemi voi... Le vostre ipotesi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao GattoCalderone!
      Beh, ammetto di avere milioni di ipotesi, magari solo due! In effetti dai contenuti letti finora non ce n'è una che copra la zona est del Mediterraneo, quindi penso a Italia, Grecia eccetera. Una scuola in quest'area sarebbe auspicabile dal nostro punto di vista, ovviamente tutti ne vorremmo una nel nostro Paese! Sappiamo che ci sono comunità magiche sia in Italia (durante la QWC del 2014 si è parlato di un Cercatore italiano) che in Grecia (nel testo esclusivo sui legni delle bacchette si parla di un fabbricante greco), e sembra anche che nessuna di queste due comunità si rivolga alle altre due Scuole del continente europeo (Durmstrang e Beauxbatons). Conclusione: ci spero in una Scuola nella nostra zona, ma non troppo!
      Ad essere sincera mi sembrano poche due sole Scuole per il continente americano (in America Latina parlano quasi tutti spagnolo, mentre la sola Scuola nota si trova nell'unica nazione di lingua prevalentemente portoghese!), e trovo che sia del tutto sguarnita anche l'Oceania con l'Australia.
      Potrei stare qui a fare ipotesi per tutto il giorno! Tipo: pensa a una Scuola nascosta tra i ghiacci dell'Antartide, una specie di istituto intercontinentale dove si parla una sola lingua unificata! E se invece ci fosse un'Accademia di Atlantide, che si sposta sugli oceani e raggiunge tutti i Paesi possibili? Ok, forse questa è davvero troppo! :-P
      Tutto questo per dirti che non ho minimamente le idee chiare, mi diverto a far correre l'immaginazione! ;-)

      Elimina
    2. Miao GattoCalderone,

      mi piacerebbe miagolare di una Scuola di Magia in Italia, e di una scuola sotto i mari! Forse il Gnautilus di cui si parla nella fanfiction della quinta casa è stato magicamente costruito dalle parti di Atlantide.
      Ma chissà, una scuola potrebbe anche stare su una.....nuvola!
      Stregatto attento al meteo!

      Elimina
  2. Scusa il disturbo, so che non c'entra niente con quello che hai appena raccontato, ma volevo chiederti se mi puoi dire un sito dove posso trovare informazioni sui raduni di Harry Potter nel 2016.
    Comunque adoro questo sito!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dobby, mi spiace ma non posso esserti d'aiuto, non conosco un sito del genere!

      Elimina
  3. Ciao Eileen, non sono proprio riuscita a ritrovare il riferimento al cercatore italiano durante la Coppa del Mondo di Quidditch 2014, mi potresti dire in quale punto del testo si trovava?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ombra, lo trovi nel contenuto esclusivo "Coppa del Mondo di Quidditch (1990-2014)", che purtroppo non mi pare ci sia nel nuovo Pottermore!
      In quel testo si trovava una riga sul "famoso Cercatore italiano Luciano Volpi". :-)

      Elimina
    2. Accidenti, questo me lo sono perso! Io ho soltanto "La Coppa del Mondo di Quidditch 2014" pubblicata sulla Gazzetta del Profeta e "Storia della Coppa del Mondo di Quidditch". Ma in quale libro era stato pubblicato?

      Elimina
    3. Sono andata a ricontrollare nella guida, e ho trovato che era già sbloccato nel Capitolo 8, Momento 1 - Lo stadio d'oro. Nello stesso Momento in cui si sbloccava "Rugby scozzese", la storia ddel Magonò Angus Buchanan, per intenderci!
      Pubblicheremo anche quello (forse potresti avere una sorpresa entro aprile, se tutto va secondo i piani), lo abbiamo! ;-)

      Elimina
    4. Grazie!

      Elimina
  4. Ciao! Complimenti per il sito.

    Sugli esami nelle varie scuole io avanzo un'ipotesi, cioè l'istruzione magica riprenda co0me organizzazione quella Babbana!
    Su wikipedia ho letto che in inghilterra la scuola secondaria va dagli 11 ai 18 (come ad Hogswart) ed ha due diplomi: uno è il GCSE (a 15-16 come i GUFO) e l'altro è il Level A a 17-18 (come i MAGO).
    Quindi, in Italia c'è il Diploma di maturità Magica? Che figata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miao CalderoneCercatore,

      io e Eileen ti ringraziamo miagolamente per i complimenti, e ti invitiamo anche a leggere la fanfiction delle Cronache di Hogwarts della Quinta Casa!
      Speriamo che la Rowling abbia un po' più di riguardo per l'Italia nei suoi futuri contenuti. Qualche informazione in più non farebbe male! Tuo Pietra Stregatto.

      Elimina

AVVISO: Benvenuti! Potete commentare pur non essendo registrati, ma sapete che è possibile inserire un nickname? Nella tendina "Commenta come" c'è l'opzione "Nome/URL". Inserite soltanto un nome e cliccate su continua, potrete così identificare facilmente i vostri commenti! Buona permanenza nel blog!

Harry Potter - Sorting Hat 3